samuele parrella 1.jpg

SASSOFONO

Descrizione: Il programma didattico è diviso in quattro livelli, che rappresentano i diversi gradi di apprendimento. In tutti i livelli vengono portati avanti contemporaneamente quattro argomenti: 

LIVELLO 1

  • Conoscenza dello strumento, storia e utilizzo.

  • Impostazione sullo strumento e primi elementi fondamentali di tecnica: impostazione del corpo, delle labbra e delle mani, respirazione, emissione del suono, attacco, staccato e legato.

  • Studio sulla qualità del suono: emissione, note lunghe, intonazione ed esercizi di ritmo.

  • Utilizzo del metronomo e dell’accordatore.

  • Primi esercizi propedeutici alla respirazione e all’imboccatura.

  • Suoni tenuti e suoni filati per tutta l’estensione dello strumento, primi elementi di tecnica attraverso scale maggiori fino a quattro alterazioni.

  • Scala cromatica.

  • Studi di livello di base tratti dai metodi di testo.

  • Studi melodici e tecnici elementari.

  • Lettura delle note sul pentagramma in chiave di violino e apprendimento della scrittura musicale nei suoi aspetti metrici, ritmici e melodici.

  • Studio del repertorio facile per sassofono.

  • Analisi degli intervalli attraverso lo studio di brani semplici. 

 

LIVELLO 2

  • Scale maggiori e minori ed arpeggi fino a sette alterazioni, scala cromatica, esercizi di legato e staccato.

  • Sviluppo della sonorità, emissione ed articolazione dei suoni, intonazione e studio delle dinamiche, cura dell’omogeneità e della qualità del suono su tutta l’estensione dello strumento.

  • Studi di livello intermedio tratti dai metodi di testo (Giampieri, Salviani vol. I e II).

  • Il modo Dorico e il modo Misolidio.

  • Sviluppo della lettura a prima vista.

  • Brani di repertorio di difficoltà progressiva.

  • Studio di brani tratti dal repertorio pop/rock scelti dall’allievo, comprensivi dell’esposizione della melodia e di breve parte improvvisata (utilizzo di basi).

  • Principi di improvvisazione su medio-semplici successioni armoniche e sul blues, approccio pentatonico all’improvvisazione tramite scala pentatonica e scala blues.

  • Studio degli accordi maggiori e minori: esercizi sugli intervalli di 3, 4, 5 triadi e quadriadi.

  • Approfondimento sul blues maggiore e minore.

  • Esercizi di lettura estemporanea.

  • Conoscenza e studio dei primi pattern.

  • Cenni sugli abbellimenti.

 

LIVELLO 3

  • Scale maggiori e minori in tutte le tonalità.

  • Studi tecnici tratti dai libri di testo.

  • Approfondimenti di brani proposti dall’alunno, con l’ausilio di basi musicali.

  • Scale modali, arpeggi degli accordi di settima di dominante e di settima diminuita.

  • Studio di brani di crescente difficoltà tecnica e interpretativa.

  • Studio degli armonici, del registro sovracuto e del trasporto.

  • Elementi di tecnica applicati direttamente sui brani di repertorio.

  • Studio dei modi, triadi, quadriadi, accordi alterati e studio delle tensioni, studio delle scale alterate, scale pentatoniche.

  • Sviluppo della capacità di improvvisazione: armonia jazz, studio di assoli, memorizzazione dei brani e delle strutture. Costruzione del repertorio personale, analisi degli stili sassofonistici e delle sequenze armoniche (tonali e non), sostituzioni diatoniche, dominanti secondarie e sostituzioni di tritono.

  • Sviluppo della tecnica e del vibrato.

  • Studio degli abbellimenti e dei cromatismi.

Insegnante: Samuele Parrella